[CONSIGLI DI LETTURA MILITANTE] “Ecologismo libertario” di Murray Bookchin

Per la rubrica Consigli di lettura militante oggi proponiamo Ecologismo libertario di Murray Bookchin, autore statunitense e principale divulgatore delle tesi sull’ecologia sociale. Di seguito un estratto.

“Siamo assediati da una crisi ecologica di immense proporzioni, conseguenza evidente dello spietato sfruttamento e inquinamento del pianeta. Le ragioni sociali di questa crisi vengono attribuite giustamente ad uno spirito di mercato che riduce l’intero mondo vivente, umanità compresa, a oggetti mercificabili, meri beni di consumo venduti ad un alto prezzo per il profitto e l’espansione  economica. L’ideologia di questo spirito mercantile è ben espressa nella nota massima del mercato “espandersi o perire” che assimila la crescita illimitata al “progresso” e la “padronanza della natura” alla “civiltà”. Gli effetti di tale montante marea di sfruttamento e inquinamento sono stati così negativi da consentire serie previsioni di completa distruzione del pianeta, dato il grado di devastazione del suolo, delle foreste, del patrimonio idrico e dell’atmosfera che non ha precedenti nella storia della nostra specie. In questo senso la società di mercato, non ponendo limiti allo sviluppo e all’egoismo, è unica. I suoi principi antisociali, per cui l’individualismo selvaggio è il principale motivo di avanzamento sociale e la competizione il motore del progresso, sono chiaramente in disaccordo con tutte le culture passate. Comunque queste attitudini fossero espresse sulla scena sociale, il disinteresse personale era infatti considerato tratto di autentica nobiltà umana e la disponibilità alla cooperazione la principale dimostrazione di virtù sociale.

La società di mercato ha fornito la peggiore interpretazione dei più consolidati valori del passato ed esibito, nelle guerre mondiali di questo secolo, un tale grado di brutalità da far sembrare, al confronto, miti le precedenti “crudeltà della Storia”. Nei dibattiti sulla crisi ecologica e sociale moderna si è portati sempre più a non riconsiderare la fondamentale importanza di una latente mentalità di dominazione che da secoli giustifica il dominio dell’uomo sull’uomo e per conseguenza dell’uomo sulla natura. Mi riferisco ad un’immagine del mondo naturale per cui la natura stessa è vista come “cieca”, “muta”, “crudele”, “competitiva e avara”: un “regno della necessità” apparentemente demoniaco che si oppone alla battaglia “dell’uomo” per la libertà e l’autodeterminazione. “L’uomo” sembra confrontarsi ad un’ostile alterità contro cui deve misurare la propria abilità e astuzia. La Storia è così presentata come un dramma prometeico in cui “l’uomo” afferma eroicamente se stesso sfidando la brutalità di un inflessibile mondo naturale. Il progresso viene visto come un mezzo per tirar fuori l’umanità dal letame di un insensato dominio, irragionevole e brutale, ciò che Jean Paul Sartre chiamava “la melma della Storia”, per la benefica luce della ragione e della civilizzazione.

L’immagine di tale natura demoniaca e ostile risale al mondo greco e ancor prima all’epopea sumera di Gilgamesh. Arrivata al suo culmine nei due secoli scorsi, e particolarmente in epoca vittoriana, persiste ancora oggi nel nostro modo di pensare. Per paradosso, è proprio l’idea di una natura cieca, muta, crudele e avara, che costituisce il fondamento di quelle scienza sociali, dei vari umanesimi che pretendono offrire un’alternativa di civiltà alla brutalità della natura e alla legge della giungla. Proprio come queste discipline accentuano l’”invalicabile abisso” tra natura e società nell’accezione classica del dualismo tra ciò che è fisico e ciò che è mentale, l’economia si definisce letteralmente come studio della “scarsità” delle risorse (leggi: “natura avara”) e della “illimitatezza dei bisogni”, sviluppandosi essenzialmente sull’interconnessione tra natura e umanità. Nello stesso modo la sociologia si considera una disciplina che analizza l’ascesa sociale dell’”uomo” dall’”animalità”. La psicologia a sua volta, particolarmente nell’indirizzo freudiano, è focalizzata sul controllo della sregolata “natura interiore” dell’umanità attraverso la razionalità e i relativi imperativi imposti dalla “civilizzazione” – con il programma segreto di sublimare la potenza dell’uomo nel progetto di controllo della “natura esterna”. Molte teorie “di classe” dello sviluppo sociale, particolarmente il socialismo marxiano, sono radicate nella convinzione che il “dominio dell’uomo sull’uomo” emerge dal bisogno di “dominare la natura”, con il presumibile risultato che, una volta soggiogata la natura, l’umanità verrà purificata dalla “melma della Storia” e potrà entrare in una nuova era di libertà. Per quanto distorte possano essere queste auto-definizioni delle più importanti discipline sociali e umanistiche, esse rimangono ancorate alla natura e alle relazioni tra mondo naturale e umanità. Pur tentando di operare una biforcazione tra le due realtà e dare così autonomia unicamente allo sviluppo culturale e all’evoluzione sociale. Nell’insieme, comunque, è difficile rendersi conto dell’enorme danno che quest’immagine della natura ha procurato al nostro modo di pensare, per non parlare della fondamentale giustificazione che ha fornito al dominio umano. Così, più di ogni singola nozione della storia, della religione e della filosofia, l’immagine della “cieca”, “muta”, “crudele”, “competitiva” e “avara” natura ha aperto un profondo, spesso invalicabile vuoto tra mondo sociale e mondo naturale e similmente tra mente e corpo, soggetto e oggetto, ragione e fisicità, tecnologia e “materia grezza” – l’intera gamma dei dualismi che hanno frammentato non solo il mondo di “natura e società”, ma anche la psiche umana e la sua matrice biologica.”

Per acquistare il libro clicca qui